Il Comune viene condannato a risarcire i danni subiti da un imprenditore a causa del mancato rilascio del permesso di img-pubbamministrazcostruire per la realizzazione di un ampliamento di una struttura alberghiera. Così si è pronunciato il Tribunale Amministrativo Regionale Campania – Salerno, con la sentenza n.87 del 12 gennaio 2017, all’esito di un giudizio volto ad ottenere la condanna al risarcimento dei danni ai sensi dell’art.2043 cod.civ., iniziato da un Ristorante Albergo contro il Comune che aveva ritardato, per ben dieci anni, l’emissione del provvedimento abilitativo necessario per la realizzazione di un intervento edilizio presso l’hotel. Il TAR ha ricordato che, ai fini dell’integrazione della responsabilità invocata in giudizio dall’albergatore, occorreva verificare: – che il provvedimento richiesto (e non rilasciato) fosse meritevole di positivo accoglimento; – la violazione dei termini del procedimento; – l’imputabilità della violazione della tempistica procedimentale a dolo o colpa della PA; – la prova del danno lamentato e l’imputabilità di tale danno all’inerzia della PA quale sua conseguenza immediata e diretta. Il Tribunale Amministrativo, nel caso in esame, ha ritenuto sussistere tutti i requisiti richiamati e, in mancanza di una prova specifica della quantificazione del danno da parte dell’Albergo, ha, comunque, condannato il Comune al pagamento della somma di € 120.000,00, quantificata in via equitativa.

WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com