img-lavoroCon la pronuncia n.22635 del 5 novembre 2015, la Corte di Cassazione ha riconosciuto a favore di un lavoratore che era stato demansionato – senza tuttavia che la condotta tenuta nei suoi confronti integrasse anche gli estremi del diverso istituto del mobbing – il danno biologico conseguente alla lesione della sua integrità psicofisica accertata da un consulente tecnico nonché il danno da perdita di professionalità (determinato in via equitativa).

WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com